Il futuro è Snapchat! E’ lei l’applicazione regina del 2016

Snapchat dominerà la scena dei social network nel 2016. Tanti sono gli indicatori che portano a questa affermazione, primo tra tutti la crescita che sta avendo l’applicazione tra i download degli utenti (il 2015 ha fatto registrare una crescita del 67%, un dato enormemente maggiore rispetto agli altri social compresi Facebook, Twitter, Google+, ecc.).

Capire le motivazioni che stanno portando gli utenti a spostarsi su questa piattaforma è molto importante, in particolare per individuarne i punti di forza e imparare a sfruttarli a pieno per poter cavalcare l’onda del marketing che interesserà Snapchat nei prossimi mesi.

1. EFFETTO “BACKSTAGE”: SNAPCHAT E’ SUPER NEL CONTATTO DIRETTO. 

La caratteristica principale di Snapchat consiste nella volatilità dei contenuti. Ogni video pubblicato dagli utenti rimane visibile per 24 ore, non è possibile archiviarlo, dopodiché viene cancellato automaticamente. Questo stimola gli utenti a registrare tanti piccoli contenuti senza alcuna sovrastruttura, in ogni situazione e momento della giornata, perché.. “tanto non rimane nella storia”. Il risultato è una sensazione di intimità profonda tra chi pubblica il contenuto e chi lo visualizza. La sensazione è proprio quella di essere al fianco dell’autore, all’interno di una piattaforma che non ha nulla a che vedere con Facebook o Twitter dove ogni contenuto ha ormai preso un significato molto simile ad un comunicato stampa. E gli utenti, nel 2016, vogliono spontaneità.

 

2. FRUIBILITA’ AI MASSIMI LIVELLI

Uno snap dura al massimo 10 secondi. Un po’ come Twitter ha costretto gli utenti ad imparare il dono della sintesi in 140 caratteri, Snapchat ridisegna l’esperienza video che può durare il tempo di una o due frasi, un sorriso, un’occhiata, un gesto. Insomma, un solo concetto per ogni snap. Costringere gli utenti ad essere sintetici ha una forza immensa in termini di comunicabilità. I video risultano così molto più diretti e incredibilmente fruibili, senza introduzioni, digressioni, fronzoli. Insomma, non ci si annoia mai, perché su snapchat non c’è proprio il tempo per annoiarsi.

 

3. SNAPCHAT E’ COMUNICAZIONE VISUAL

I meno attenti potrebbero erroneamente pensare che di questo Snapchat non c’era tutto sommato bisogno e che gli altri social network hanno ormai coperto tutte le esigenze comunicative proprie dell’essere umano (testi: Twitter, foto: instagram, Video: YouTube, ecc.). Ma non è così. Snapchat è l’unica piattaforma che punta tutto sulla comunicazione visuale: la più comoda, la più facile da elaborare per i nostri stanchi (e viziati) cervelli. “Sì, ma per foto e brevi video c’è già Instagram!” E invece no, la distinzione è sottile ma precisa. Instagram è una piattaforma dove mostrare video e foto, sì, ma la sua funzione è quella di condividere belle foto o momenti particolarmente significativi. Snapchat punta invece sulla comunicabilità, sull’esprimere dei concetti con delle immagini volutamente poco curate ma altamente comunicative. Per spingere maggiormente su questo aspetto, Snapchat permette di associare alla foto o al video girato un breve testo, uno sticker o un tratto colorato disegnato a mano (spesso si dipingono in maniera grezza delle frecce proprio per focalizzare l’attenzione su un particolare della ripresa) quasi a voler dire ai propri utenti che non devono preoccuparsi troppo dell’estetica ma puntare soprattutto di esprimere un concetto il più chiaro possibile.

Screenshot 2016-01-29 14.44.40

 

armisegretesnapchat

Vuoi conoscere tutte le armi segrete di SNAPCHAT? Iscriviti e ricevi l’ebook gratuito!

 

4. STOP ALLA PRESSIONE DEI CONTENUTI DA LEGGERE

Avete mai notato che quando per diverse ore non abbiamo occasione di connetterci a Facebook, avvertiamo una sensazione di ansia, pressione per la paura di esserci persi qualcosa? Con Snapchat tutto questo non c’è, perché ogni 24 ore le “bacheche” di tutti vengono pulite. Foglio bianco. Solo attualità e ogni giorno è un giorno nuovo. Qualche anno fa questa impostazione poteva essere percepita come un forte limite. Oggi, con la sovraesposizione alle notizie (spesso frivole ma caricate di eccessiva enfasi) data proprio dai principali social network, questo può essere un grande punto di forza a favore di Snapchat. La sensazione restituita è di ordine, essenzialità, minimalismo, contrapposto al caos di Facebook e Twitter.

 

5. STOP ALL’ANSIA DA PRESTAZIONE DA “LIKE”

Su Snapchat non esiste il concetto di like, ma solo quello di visualizzazione. E’ un particolare determinante, che rafforza quanto già detto sulla non necessità di curare l’estetica. Chi ci segue può scegliere se visualizzare o meno i nostri contenuti e nient’altro. Non può neppure commentare (se non in privato) i nostri video. Noi possiamo però sapere chi li ha visualizzati, ed è un parametro molto utile per seguire il comportamento della nostra audience.

 

6. SNAPCHAT E’ ESCLUSIVAMENTE MOBILE

Anche qui i trend sono tutti a favore di questa scelta. Così come la fruizione dei contenuti web si sposta di anno in anno sempre più su smartphone, con ancor più spinta anche l’interazione social sta prendendo definitivamente la strada mobile. Snapchat punta tutto sul mobile eliminando ogni altra possibilità. Per pubblicare un video è possibile utilizzare esclusivamente la fotocamera del cellulare, non c’è modo per importare un video girato da altro supporto. Anche questa scelta rende tutto più “easy” e invoglia a produrre velocemente nuovi contenuti.

Screenshot 2016-01-29 14.46.54

 

7. LA PROPULSIONE INARRESTABILE DEGLI INFLUENCER

Saranno loro a determinare definitivamente l’ascesa di Snapchat nell’olimpo dei social network. Chi sono gli influencer? Persone con un nutrito numero di follower, considerate “punti di riferimento” nel loro settore. Alcuni di loro hanno già iniziato a pubblicizzare l’uso di Snapchat nelle altre piattaforme per “trasportare” gli utenti degli altri social network. Da notare che se gli YouTuber  sono ancora un po’ restii a sposare questo progetto, alcuni “guru” del webmarketing si sono già lanciati e producono costantemente contenuti su snapchat. Il motivo è intuibile: gli youtuber desiderano monetizzare subito i loro contenuti e lo fanno attraverso la piattaforma più adatta a questo scopo (YouTube, appunto). I marketer hanno un processo di monetizzazione che prevede più passaggi e che ha come atto finale, di solito, l’acquisto di un corso online. Un processo all’interno del quale la fidelizzazione con l’utente e il rapporto diretto, nella quale snapchat può giocare un grande ruolo, è molto importante. Senza contare che, prima di altri, i marketer hanno intuito l’importanza che avrà snapchat nel prossimo futuro e vogliono essere, come si suol dire, “sul pezzo”.

 

Screenshot_2016-01-17-00-59-25E tu, usi già Snapchat? 

Se la risposta è sì, puoi aggiungermi cercando “webspecialist” tra gli utenti, o semplicemente scannerizzando con l’apposito tool di snapchat la mia foto profilo.

Due altri profili che ti consiglio di seguire, a proposito di influenze, sono quelli di MARCO MONTEMAGNO e di GIULIO GUADIANO, che propongono ogni giorno snap molto intelligenti che hanno come minimo comune denominatore il web marketing e i trend digitali.

 

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *