Alle persone felici e a quelle infelici capitano in media le stesse cose

Alle persone felici e a quelle infelici capitano in media le stesse cose

Dall’inizio della crisi, e via via sempre di più, sento molta gente che non fa che lamentarsi: non ho questo, non ho quello, è colpa del governo, dei politici, del sistema, della sfiga, ecc. Quello che emerge da questi lamenti è, di fatto, la pretesa assoluta che il mondo vada loro incontro, che la realtà si trasformi in relazione ai loro capricci, che le persone si muovano e agiscano a loro piacimento. Queste persone pestano i piedi e strepitano, rabbiosamente invocando diritti veri o presunti, cadendo nella trappola dell’attribuzione di colpe, che, guarda caso, non sono mai proprie.

In un interessante libro che ho letto di recente è citato uno studio durato anni a seguito del quale una ricercatrice, dopo aver lavorato con moltissime persone, ha rilevato che alle persone felici e alle persone infelici capitano in media le stesse cose, durante l’arco di una vita. Qua è la differenza tra queste persone? Il modo in cui afrontano le situazioni e reagiscono ai problemi. Riempire la tua vita di cose che ti fanno star bene dipende da te. Sei tu che hai il potere di arricchire la tua esperienza con tante piccole cose che, tutte insieme, ti fanno sorridere. Sei tu che puoi pensare che ci sono un milione di cose che potresti fare, e che non fai, per risollevare la tua situazione personale, le sorti della tua azienda o per migliorare la tua attività lavorativa. Ma tanti, troppi, preferiscono continuare a lamentarsi e procedere con inerzia verso un percorso già segnato dall’infelicità e dalla rassegnazione.

 

Ma cosa c’entra tutto questo con Web-Specialist?

Forse proprio nulla, o forse qualcosa c’entra. C’entra dal momento che la maggior soddisfazione per me, e per come ho deciso di intendere il mio lavoro non è quella di chiudere un grosso contratto per un grosso sito web con un grosso partner (greco!).
Non lo rifiuterei, ci mancherebbe, ma non è questo il mio “Core Happiness” (termine che ho inventato in questo istante). Il mio core-happiness – opposto alla concezione di core-business – è, piuttosto, aiutare le piccole imprese, i liberi professionisti e le attività che lottano contro le insidie della crisi a darsi uno slancio grazie a internet e alle opportunità che esso offre e che probabilmente loro non conoscono o non hanno ben chiare. Grazie ad un sito web adatto a pubblicizzare la loro attività, a un sistema di web marketing che porti loro clienti reali possono concretamente fare la differenza. Senza pensare necessariamente a cose eclatanti o a roboanti promesse: il web è un mondo infinito e le possibilità di affermare la propria attività sono altissime, ma a volte il percorso è più lento, altre volte è più veloce. L’importante è pianificare e partire, con un briciolo di coraggio e di voglia di aprire nuove finestre dalle quali far entrare un po’ di nuova luce.

Io preferisco aiutare le persone a scoprire quali piccoli passi possono compiere per migliorare i propri risultati e accompagnarli nella realizzazione di un progetto, attraverso quello che so fare e che voglio condividere. E’ questo il mio Core-Happiness. E tu, che ne pensi?

Condividi questo post